Cosa vedere in provincia di Terni: Orvieto e Montecchio

L’Umbria sono distese infinite lungo le quali l’occhio perde il suo stesso sguardo. Distese chilometriche di colline verdi ricoperte di vigneti e uliveti. Paesaggi che trasmettono calma, quiete, che promettono silenzio a chi li attraversa. Paesaggi che rimettono in pace qualsiasi spirito con il mondo. Posti che non vorresti dover lasciare mai.

E poi di colpo, tra una vetta e un vigneto, lo sguardo incontra i profili antichi di città, borghi e paesini sparsi tra le valli e adagiati sulle colline.

Schermata 2017-07-19 alle 09.56.03

Fortezza di Albornoz a Orvieto

Borghi come Montecchio, città dell’olio e dei falegnami, le cui origini si intrecciano alle vicende lontane di etruschi e romani. Qui è cominciata la splendida esperienza del mio blogtour ospite dell’Eco B&B Villa Eleiva, qualcosa di cui vi ho già in parte raccontato ma della quale vi dirò ancora, se avrete la pazienza di seguirmi.

A Montecchio, in pratica, ci ho solo messo piede, giusto il tempo di un aperitivo a base di prodotti locali e quattro chiacchiere per conoscere i miei compagni di viaggio. E, soprattutto, giusto il tempo di subire il fascino di quella pietra chiara, di quegli angoli nascosti in cui non passa nessuno, di quelle strade rimaste ferme in chissà quale tempo, di quel silenzio.

Schermata 2017-07-19 alle 09.56.45

Passeggiando per Montecchio

Schermata 2017-07-19 alle 09.59.24

Angoli di Montecchio

Schermata 2017-07-19 alle 09.57.25

Centro di Montecchio

E poi, a una ventina di chilometri, sempre all’interno del magnifico territorio della provincia di Terni, c’è Orvieto, la città adagiata sul tufo.

Meno silenziosa di Montecchio ma con una storia straordinaria da vantare. Una storia che attraversa diverse epoche, come dimostrano le date di origine dei principali monumenti e, soprattutto, il mondo sotterraneo di grotte, pozzi, resti e corridoi che si nasconde sotto la città e che dà testimonianza di un’intera civiltà e del suo splendore.

Meno silenziosa ma altrettanto panoramica: raggiungete la cima della Torre del Moro (tranquilli, c’è l’ascensore) oppure i giardini della Fortezza di Albornoz e lasciate che lo sguardo si perda dall’alto all’infinito.

Schermata 2017-07-19 alle 10.08.38

Centro di Orvieto

Schermata 2017-07-19 alle 10.00.00

Vie nascoste di Orvieto

E di Orvieto godetevi il centro, con le sue vie strette piene di bar e botteghe di artigiani. Innamoratevi delle punte di colore che spiccano all’improvviso sulla pietra, che siano ceramiche preziose o cestini di lavanda. Fotografate gli angoli più nascosti, quelli dove vi sembra di essere i primi e gli unici a passare. Incantatevi davanti al Duomo e al suo rosone, ai bassorilievi sulla facciata anteriore e agli affreschi conservati al suo interno (specie quelli della cappella del Corporale e quella di San Brizio).

Schermata 2017-07-19 alle 09.58.04

Duomo di Orvieto

Schermata 2017-07-19 alle 10.07.54

Negozio di ceramiche a Orvieto

Schermata 2017-07-19 alle 09.58.43

In centro a Orvieto

E ora ditemi se non abbiamo tutti bisogno di un po’ di Umbria, ogni tanto. Di un po’ di Umbria e del suo incanto. E in generale di questo centro Italia terra di colline, borghi e sapori. Della quiete dei suoi paesaggi. 

Posti dove si fa presto a stare bene.